GERMAN-SOVIET CO-OPERATION IN SCIENCE: THE CASE OF THE LABORATORY FOR RACIAL RESARCH, 1931-1938

in Nuncius
Restricted Access
Get Access to Full Text
Rent on DeepDyve

Have an Access Token?



Enter your access token to activate and access content online.

Please login and go to your personal user account to enter your access token.



Help

Have Institutional Access?



Access content through your institution. Any other coaching guidance?



Connect

Abstract

<title> RIASSUNTO </title>Anche se contatti fra sostenitori tedeschi e sovietici della eugenetica durante gli anni venti sono stati documentati, è stato dato per scontato che questi contatti si siano interrotti entro il 1930. Questo articolo esamina l'attività di un laboratorio tedesco-sovietico per la ricerca razziale che è finora sfuggito all'attenzione degli storici. Il laboratorio fu fondato da scienziati tedeschi quando la Germania stava tentando di stabilire contatti commerciali ed economici con l'Unione Sovietica. La ricerca riguardava soprattutto la patologia comparativa e l'anatomia del cervello. Il laboratorio ricevette il sostegno di scienziati attivi a Mosca, in Caucasia e nella Transcaucasia. Ragioni diplomatiche spiegano la sopravvivenza dell'Istituto.

Nuncius

Journal of the Material and Visual History of Science (Formerly: Annali dell'Istituto e Museo di storia della scienza di Firenze)

Sections

Information

Content Metrics

Content Metrics

All Time Past Year Past 30 Days
Abstract Views 8 8 3
Full Text Views 1 1 1
PDF Downloads 1 1 1
EPUB Downloads 0 0 0