Save

L'EMPLOI DES OBJECTIFS ITALIENS L'OBSERVATOIRE DE PARIS LA FIN DU 17me SICLE

In: Nuncius
Author:
SOLANGE GRILLOT Observatoire de Paris

Search for other papers by SOLANGE GRILLOT in
Current site
Google Scholar
PubMed
Close
Download Citation Get Permissions

Access options

Get access to the full article by using one of the access options below.

Institutional Login

Log in with Open Athens, Shibboleth, or your institutional credentials

Login via Institution

Purchase

Buy instant access (PDF download and unlimited online access):

$40.00

Abstract

title RIASSUNTO /title Dopo Galileo il cielo pu essere osservato con strumenti ottici. Nel corso del XVII sec. nasce e si sviluppa l'ottica astronomica, sfruttando fino all'estremo le possibilit offerte da obiettivi costituiti da una sola lente. La produzione qualitativamente pi alta quella di vetrai e ottici italiani. La notoriet di uno di questi, Giuseppe Campani, mostra chiaramente che i suoi pretesi segreti di fabbricazione erano soltanto una leggenda. In realt, egli doveva il successo soltanto alla sua ingegnosit, pazienza e alla severa eliminazione dei prodotti imperfetti. Fu proprio Campani a fornire a J.-D. Cassini quelle lenti che, in Italia prima, all'Osservatorio di Parigi poi, permisero a quest'ultimo di compiere le sue scoperte, dovute anche, e in gran parte, all'abilit e tenacia dell'osservatore. Infatti, i telescopi aerei o ?CTRLerr type="1" mess="Doute Cars isoles avec recollage" ?telescopi senza tubo erano difficilissimi da usare a causa delle loro dimensioni legate al problema della riduzione dell'aberrazione cromatica. La difficolt di impiego era tale da impedire ogni scoperta: solo un secolo pi tardi, con l'impiego dei telescopi riflettori, gli sforzi riprenderanno e le scoperte saranno nuovamente possibili.

Content Metrics

All Time Past Year Past 30 Days
Abstract Views 271 24 3
Full Text Views 53 5 0
PDF Views & Downloads 20 2 0